Armando Arpaja

Vai ai contenuti

Menu principale:

Armando Arpaja

Nato a Roma, frequenta i corsi di Pittura e Tecnica dell’Affresco presso la Scuola delle Arti
Ornamentali del Comune di Roma e l’Accademia di Belle Arti. Espone le sue pitture per la prima
volta a Roma, in Via Giulia, nel 1976.
L’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma, il 13 dicembre 2007, gli conferisce il
«Premio Campidoglio» come artista internazionale, con la seguente motivazione:
«Esaltazione delle diverse etnie privilegiando la Cultura in funzione della costruzione della
Pace, l’uguaglianza e la fratellanza dei Popoli».
Ha esposto i suoi quadri in città europee quali, Milano, Parma, Bologna, Taormina, Venezia,
Atene, Salonicco, Parigi, Amsterdam, Copenaghen, Bruxelles, Lisbona, Marsiglia, Strasburgo,
Sofia. In Medio Oriente e Africa: Il Cairo, Alessandria d’Egitto, Casablanca, Lefkara (Cyprus),
Smirne, Ankara, Addis Abeba, Khartoum, Tunisi, Casablanca, Algeri, Orano, e nelle
Americhe: New York, Santiago del Cile, Caracas, collaborando spesso con Ambasciate,
Consolati, ed Istituti Italiani di Cultura.

E’ autore dei libri :
“Simòn Bolìvar “- Europa e America Latina: suggello della libertà” . Anno 2014
“Rome n’est plus dans Rome”- volume fotografico - entrambi del Gruppo Editoriale L’Espresso
“Roma: mia madre” (da Trastevere al Flaminio, quasi un secolo di storia romana raccontata da chi
l’ha direttamente vissuta). Edizioni Studio 12. Anno 2009
“Roma affatata” Antologia di storie romane sospirate dai versi di Giggi Zanazzo - Edizioni
Studio12. Anno 2010
“Giggi Zanazzo : Scappatelle fôri Roma – Strambotti e Canti del Risorgimento” con
appendice di vecchie immagini e antichi ricordi dei Castelli e della Campagna Romana.
Con intervento del Presidente della Repubblica Italiana, On. Giorgio Napolitano. Anno 2011
“Roma Patria Omnium”, con “Usi, costumi, credenze, leggende e pregiudizi del popolo di
Roma” di Giggi Zanazzo. Con scritti su Roma nel pensiero e nel sentimento di uomini illustri. In
appendice, l’album fotografico “Roma de qua e dde llà dar fiume”. Anno 2011
“Benviént Roma”, Benevento, l’Arco di Traiano 114-2014, volume di 500 pag. riccamente
illustrato con foto d’epoca, manoscritti e scritti selezionati da testi antichi. Anno 2014
“Ha da passa’ ‘a nuttata”, Eduardo De Filippo (Napoli 24 maggio 1900 - Roma 31 ottobre 1984)
in occasione dei trent’anni dalla sua scomparsa- pensieri, riflessioni, pagine inedite, immagini.
Associazione Culturale Agapanti, volume di 163 pag., 2014.



Torna ai contenuti | Torna al menu